Lo Zafferano, viene coltivato, raccolto e lavorato nel Sud Sardegna

Principalmente nelle zone della Marmilla e Campidano nei comuni di San Gavino Monreale, Turri e Villanovafranca.

Dai suoi fiori si avvia la produzione dello Zafferano.

I suoi 3 stimmi vengono essiccati con molta attenzione per salvaguardare al meglio l’aroma della spezia.

Secondo la tradizione italiana, soprattutto degli zafferaneti di Sardegna (San Gavino Monreale) lo si essicca col calore del fuoco, o meglio della brace.

Preparazione tramandata di padre in figlio.

L’altra Tecnica tradizionale utilizzata nella nostra Isola Sarda è la feidatura.

Gli stimmi vengono maneggiati umettandoli con olio di oliva durante la mondatura.

Procedura molto difficile come quella della tradizionale a brace per via delle temperature sempre variabili ma che comunque consente un ottimo risultato qualitativo.

Per questo ha ottenuto il riconoscimento D.O.P. per un elevato potere colorante con effetti terapeutici e aromatizzanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
Open chat